Torna in Home Page

Zezi, continuon le combat!

zezicombat1Ci vorrebbero morti. Vorrebbero vedere morti gli operai, i precari e tutta l’Alfasud, i disoccupati e i cuozzi. Vorrebbero vedere morti, e seppelliti, una volta per sempre, tutti i poveri maronna. Utili e inutili. I verniciatori, i fabbri, gli imbianchini, i falegnami, i cottimisti, i part-taim, le colf e le maestrine. E pure ’e mpagliasegge, ’e collcenter, i commessi, i facchini, i camerieri, i contadini, i portantini, ’e guardiamachine, chille ca cogliono ’e patane e chille ca te portano ’a pizza nfino â casa. Vulessero verè muorte ’e zingare, ’e nire, ’e gialle, e, primm’e tutto, ’e russe. Vulessero appiccià ’e case, ’e ciardine, ’e rullotte, ’e baracche (e pure ’e cucce de’ cani) di tutti i rom, gli immigrati, i senza tetto, i senza soldi, i senza niente. Come hanno ucciso l’Italsider, come hanno riempito di merda e rifiuti tossici la campagna e i quartieri, come hanno baciato la camorra, come ne sono stati baciati e ripagati. Come hanno inquinato le teste con piccoli e grandi fratelli, amici, markette, otto e mezzo, quiz, lotterie, cantagiro e porte aperte. Come hanno ucciso la storia, la geografia e la grammatica italiana. Come hanno condonato tutto l’abuso, il pertuso, le ville, l’evasionefiscale, ’acorruzione, ’ofalsoinbilancio, asoretaemmammeta, ilfurtocondestrezza, larapina, l’usura, Genova, ladiaz e Bolzaneto, iprestitibancari. Con la stessa velocità e malvagità, ci vorrebbero tutti morti. E quindi tutti muti. Senza musica e senza voce, senza ricordo e senza allegria. Senza vino e scarze ’a formaggio. Ma nuie l’avimme schiatta ncuorpe! So’ loro c’hanna murì. ’E Zezi, dal 1975, fanno ’o survival! E campano n’ati cient’anne, cu tutt’e cumpagnielli ca sonano e abballano pe’ cagnà stu munno ’e cammurriste, finanzisti, monopolisti, modisti, banchisti, mpriestatoristi, fascisti, giurnalisti vendutisti, americanisti, vaticanisti, antiscientisti e creazionisti, moggisti, vannamarchisti, siliconisti, opposizionisti moderatisti, margheritisti, polizziottisti, guerrapreventivisti, yottisti, leghisti, schifanisti e arcoristi (ma ’o culo a chi ’o riste?). ’E Zezi No Zoza cantano nuovo e vecchio, abbasta ca è contra ’a munnezza, abbasta ca accumpagna ’a vita e s’arraggia cu ’a morta, sempre. Se ne’ que un debut, continuon le tammurriat!

Torna in Home Page

3 Commenti a “Zezi, continuon le combat!”

  1. Carlo scrive:

    Evviva i ZEZI, abbasso la ZOZA!
    Grazie di esistere…

  2. ROCCO LAGUARDIA scrive:

    ci hanno tolto tutto, la vita, la morte, il pane, i figli, l’amore, la terra, l’acqua, il silenzio, gli uccelli, le foglie, il mare……
    ma la rabbia che abbiamo dentro non c’e’ la togliera’ nessuno. un abbraccio a tutti.

  3. Eduardo scrive:

    Siete semplicemente grandiosi :) !! Abbasta ca accumpagnamm ’a vita e ce arraggiamm cu ’a morte, sempre!

Lascia una replica per ROCCO LAGUARDIA